territorio

Wilhelm Marstrand: From a Roman Osteria. Pipe-Smoking Hunters and Italian Women
0

Viaggio tra i locali di un tempo

Fino agli anni ’40, quindi agli inizi del secondo conflitto mondiale, i ristoranti a Viterbo erano tre o quattro e i bar come li intendiamo oggi ancor meno: Schenardi in corso Italia, successivamente Minciotti e infine la sora Eugenia alla stazione di Porta Romana. Molto numerose, fino agli anni ’60, erano invece le osterie e…

0

Il piccolo Armidoro

Narrando le avventure e disavventure del “piccolo” Armidoro inauguriamo la rubrica sui personaggi viterbesi più caratteristici, raccontati da Francesco Morelli, illustre memoria storica di questa città. Di questi personaggi Almidoro Costantini, il suo vero nome, è tra i più noti. Uomo molto basso, deformato da una marcata cifosi, è vissuto nella prima metà del Novecento…

Un momento del trasporto della Macchina di Santa Rosa
0

Il trasporto della Macchina di Santa Rosa

“Tutti quanti stasera vedrete una festa di grande importanza Ogni anno una sera a settembre una Rosa si porta a girar Nella notte nel cielo s’innalza e la gente la guarda stupita Sembra proprio volare sui tetti lassù tra le stelle e gli angeli blu” Le prime parole di Quella sera del tre – inno…

Gloria - Un particolare della Macchina di Santa Rosa
0

I numeri di Gloria

28 metri d’altezza dalle spalle dei facchini e 50 quintali di peso, queste le dimensioni di Gloria. Il progetto è dell’architetto Raffaele Ascenzi, mentre la Edilnolo ne ha curato la costruzione e ora l’assemblaggio. Lo scorso anno l’esordio, quest’anno il percorso “allungato” fino all’intersezione tra via Marconi e via Cairoli. Uno sforzo maggiore per omaggiare…

I facchini di Santa Rosa si preparano al trasporto
0

Tutti d’un sentimento

Senza facchini di Santa Rosa non c’è Macchina, non c’è Trasporto, rimane ben poco di una tradizione e di un sentimento capace di attraversare i secoli e farsi nuovo ogni tre settembre. Rimane poca cosa, o forse anche nulla, di questa storia di carne tutta viterbese capace di incantare la gente, i papi e il…

Intervista a Raffaele Ascenzi
0

Ecco come è nata Gloria

Intervista con Raffaele Ascenzi dall’interno “dell’uovo”   Per capire qualcosa di più su Gloria, l’attuale Macchina di Santa Rosa, siamo andati “nell’uovo”; lo studio dell’ideatore Raffaele Ascenzi in piazza del Gesù. E quanto questo spazio abbia giocato un ruolo nel processo creativo ce lo racconta lo stesso architetto, mentre ci fa accomodare su un soppalco…

Il monastero di Santa Rosa
0

Il monastero delle Alcantarine

Suor Francesca: “È un luogo di grande grazia”   Un sacchetto bianco, la scritta Santa Rosa in rosso e dentro un cuore di lavanda. Sacchettini con l’icona della patrona che contengono petali di rose raccolti nel chiostro del monastero. Tra una preghiera e l’altra prende forma l’abbraccio delle suore francescane alcantarine alla città di Viterbo….

Fontana di piazza della Rocca
0

Fontane monumentali tra sprechi e danni

La soluzione ingegnosa degli antichi, le possibilità della tecnica e l’ottusità di chi amministra   ITERBO – Città delle belle donne e delle belle fontane. È questo un brand che potrebbe tirare parecchio ancora oggi per il capoluogo della Tuscia. Delle prime qualcosa ancora rimane, delle seconde la bellezza è sempre meno evidente. Anzi. Sta…

Casaletto del Padreterno
0

Cantone ’nguattate: il casaletto del Padreterno

ercorrendo strada Capretta in direzione del quartiere Santa Barbara e poco prima della strettoia, si incontra sulla destra una cappella isolata conosciuta dai viterbesi come il “Casaletto del Padreterno”. Questo piccolo edificio si caratterizza per una pregevole ed interessante pittura monocroma eseguita a graffito, molto simile a quella della facciata di palazzo Ninni, in via…

Panorama di Viterbo dalla torre di Palazzo Chigi
0

Un ventoso pomeriggio sulla cima di una torre

L’ascesa della torre di Palazzo Chigi e la vista, sovrana sulla città   lcuni posti necessitano di attesa per essere visitati, la nostra vita e la loro percorrono strade separate, seppur così accostate, finché, un giorno, per un motivo che solo il destino conosce, si incrociano. Palazzo Chigi è stato uno dei più frequentati luoghi…

Turismo Viterbo
0

L’anno zero del turismo made in Tuscia

Una scommessa difficile da vincere, che necessita di strategia e visione   urismo nella Tuscia, benvenuti nell’anno zero. 3.612 chilometri quadri di superficie “turistabile”, con alcune parti che si prestano meglio e altre meno. Succede anche nelle migliori famiglie. Un gioiello, incastonato nel capolavoro di argilla dei Calanchi, che è Civita di Bagnoregio; un palazzo…

Tagliata etrusca
0

Storie e misteri di strada Signorino

Il tesoro del Cataletto e la Cava di Sant’Antonio   Tra i vari luoghi suggestivi situati nelle immediate vicinanze della nostra città vi è la serie di strette gole che si trovano lungo strada Signorino, che prende il nome dal nobile Signorino Signorini che un tempo possedeva queste terre. Si tratta delle cosiddette “vie cave”…

Castel d'Asso, Viterbo
0

Le rovine dimenticate di Castel d’Asso

Castel d’Asso è un nome che ai più richiamerà le necropoli rupestri dei nostri antenati Etruschi. Il nome però fa intendere che in questo luogo ci sia o quantomeno ci fosse un castello. È infatti così è, soltanto che per motivi di accessibilità e anche di indicazioni numerosi cittadini viterbesi sembrano esserne all’oscuro. Come riportato…

Autolinee Garbini
0

Ricordate le Autolinee Garbini?

Il legame tra Mauricio Macri, neo presidente argentino, e Viterbo.   l 22 novembre dell’anno scorso Mauricio Macri ha vinto il primo ballottaggio per la presidenza della storia Argentina. Due giorni più tardi ha incontrato la presidente uscente, Cristina Kirchner, per il passaggio del mandato. Quello stesso 24 novembre su la Repubblica è stato pubblicato…

© 2018 Onda srls - Partita Iva 02282020565 - ROC 31504